Hashtag: Chi lo ha inventato e perché

Era l’estate 2007, anno di primissimi passi nella diffusione dei social media negli USA.

Il primo hashtag fu #barcamp e fu lanciato da Chris Messina nel corso della omonima conferenza di Nashville.

Curiosamente, il primo hashtag fu proposto per lanciare l’idea di mettere gli hashtag: Chris chiedeva infatti ai suoi followers se per loro fosse una buona idea far precedere da un cancelletto la chiamata a un tema di aggregazione (o un gruppo). La risposta fu evidentemente positiva, perché da allora gli hashtag iniziarono a diffondersi su Twitter (non certo ancora su Facebook) in modo del tutto spontaneo e dapprima occasionale, come strumento di caratterizzazione tematica dei propri tweet, e furono particolarmente utilizzati nel corso dei terribili incendi che colpirono i boschi della California attorno a San Diego quello stesso anno.

Twitter non fu certo un campione di reattività di fronte agli hashtag: dal famoso momento in cui il primo hashtag venne lanciato in un tweet dovettero passare due anni giusti, prima di arrivare nel 2009 al momento dell’adozione effettiva.

Instagram seguì Twitter a distanza di un anno e mezzo. Nello stesso periodo (siamo a gennaio 2011) Audi utilizzò un hashtag nella propria pubblicità televisiva lanciata in occasione del Super Bowl di quell’anno.

Gli hashtag sono ottimi strumenti di aggregazione (e indicizzazione da parte di Google) e consentono, soprattutto su GooglePlus, di evidenziare in modo forte e strutturato l’argomento di cui si sta parlando, creando in questo modo micro-comunità tematiche spontanee.

Gli hashtag sono utili anche per aumentare la diffusione dei propri tweete stabilire la propria brand identity.

hashtags
http://www.treesessanta.com
Annunci

Defacts, creatività mobile in giro per Milano

Si avvicina l’inizio del Salone del mobile 2014 che accompagnerà i curiosi nella prima metà del mese di aprile, dall’8 al 13, presso i padiglioni della Fiera Milano Rho, con le sue interessanti innovazioni dedicate al settore della casa e dell’arredamento. Quest’anno, oltre al Salone internazionale del Mobile e del Fuori Salone in giro per tutta la città, saranno presentati il SaloneInternazionale dell’Arredo e del Bagno, l’Euro Cucina e il Salone Satellite contenente tutti i progetti di giovani designer emergenti della modernità, tutto questo per ampliare la proposta e arricchire la scelta per arredare l’interno o l’esterno di una dimora.

I nostri amici creativi di Defacts, di cui vi abbiamo già parlato in passato, anche questa volta ne hanno pensata “un’altra delle loro”! Alla domanda se anche quest’anno fossero stati presenti alla kermesse milanese, ci hanno risposto Noi non siamo al Salone del Mobile e non siamo nemmeno al Fuori Salone, noi siamo il Salone Mobile”.

logo

 

I due designer porteranno in giro per Milano i loro aggetti, POLLOKil trinciapollo a forma di Pollo –  e GOOD la croce che si mostra a chi crede.

Come trovarli? Ovviamente, essendo in movimento,  attraverso i social!! Inseguiteli su Twitter e Facebook! Chi andrà a trovarli sarà ricompensato con un cicchetto di vino e olive … 100% italiane come i loro oggetti. Insomma: tante idee per strappare un sorriso! E se qualcuno vorrà unirsi alla carovana di Roberto Marini & Fabio Dodesini sarà il benvenuto…”Munitevi di carriole o carrelli della spesa o passeggini carichi delle vostre creazioni!”

 

fronte

 

retro

 

http://www.treesessanta.com

 

 

Macchianera Italian Awards 2013, ecco i vincitori #MIA13 e #TA13

Se leggendo non avete la benché minima idea di cosa si stia parlando occorre fare un passo indietro. Rimini, il “Blogfest” che si è tenuto dal 19 al 21 di settembre. Tre giorni fitti di appuntamenti, conferenze, panel con baricentro i social network. Il blogfest è un evento molto importante per gli internauti; è una manifestazione nata in quel di Riva del Garda per soddisfare le tantissime domande che gravitano attorno al mondo del Blog, Facebook, Twitter, chat e forum. Ogni minuscolo anfratto delle varie forme di comunicazione via internet viene sviscerato. L’evento clou del weekend riminese è rappresentato dalla cerimonia di consegna dei Macchianera Internet Awards.

A scegliere sono stati solo ed esclusivamente gli internauti (1.300.000), con una doppia fase che ha portato prima alla definizione delle nomination e poi all’assegnazione dell’ambito riconoscimento.

Dopo la premiazione dei Tweet Awards 2013, #TA13, sono stati consegnati gli Oscar del Web Italiano, i Macchianera Italian Award 2013, appunto. Se nel primo evento sono stati premiati tutti coloro che animano la community del social network Twitter, con i #MIA13 si punta un po’ più in grande cercando di evidenziare e premiare il meglio del web italiano: personaggi, portali e siti tematici e non solo; tutto purché riguardi il web italiano.

Schermata 2013-09-23 alle 14.33.00

Anche quest’anno sono fioccate una valanga di polemiche in merito ai vincitori di alcune categorie. Parlando proprio dei premiati, ha scatenato l’ilarità nella sala il premio Miglior Personaggio dell’Anno che è andato al neo-eletto Papa Francesco, superando persino un personaggio come Fiorello. Un risultato che sorprende ma che rispecchia certamente il grande momento di notorietà del Papa che nel giro di sei mesi è già entrato nel cuore dei fedeli, ma non solo. Papa Bergoglio ha preso in eredità da Papa Benedetto XVI l’account twitter @pontifex, aperto a dicembre 2012, attraverso il quale ha saputo trasmettere i suoi messaggi che hanno riscosso sempre grande attenzione. A lui sono andati il 32% dei voti, a Fiorello il 23%.

Vincitori #MIA13:

1. Miglior Personaggio: Papa Francesco
2. Miglior Sito: Il Fatto Quotidiano
3. Miglior Sito Italiano di Informazione: Ansa.it
4. Miglior Sito di Satira: Spinoza
5. Miglior Community: Alfemminile
6. Miglior Articolo (5 buone ragioni per non votare Grillo): Quitthedoner
7. Miglior Campagna Pubblicitaria: Coca Cola
8. Miglior Brand: Nutella
9. Miss Internet: Selvaggia Lucarelli
10. Mister Internet: Azael
11. Miglior Polemica: Enrico Mentana vs. Twitter
12. Miglior Rivelazione: Pinuccio
13. Miglior App Italiana: Musixmatch
14. Miglior Web Agency italiana: Hagakure
15. Miglior sito Educational: Cicap
16. Miglior Battuta: Marco guernyesterday
17. Miglior sito Cinematografico: I 400 calci
18. Miglior disegnatore vignettista: Makkox
19. Miglior sito televisivo: ItalianSubs
20. Miglior sito musicale: Bastonate
21. Miglior sito letterario: L’apprendista libraio
22. Miglior sito fashion: Vogue
23. Miglior sito di economia: Il Sole 24 Ore
24. Miglior sito per genitori e bambini: Ma Che Davvero?
25. Miglior sito politico d’opinione: La Z di Zoro
26. Miglior radio podcast: Radio Deejay
27. Miglior pagina Facebook: Feudalesimo e libertà
28. Cattivo più temibile: LVIX
29. Peggior flop: Fare – per fermare il declino
30. Miglior fake: casaleggio
31. Premio alla carriera: Stefano Quintarelli
32. Miglior sito tecnico divulgativo: Il Disinformatico

Vincitori #TA13:

1. Twittero dell’anno 2013
@matteograndi, @lddio ha ceduto il suo premio per non bissare la vittoria dello scorso anno

2. Miglior Uomo su Twitter
@Luca_Preziosi

3. Miglior Donna su Twitter
@liaceli

4. Twittero Rivelazione 2013
@cappellanomatto

5. Twittero più simpatico 2013
@tristeMietitore

6. Miglior Azienda su Twitter 2013
@DeezerItalia

7. Miglior Fake/Parodia 2013
@Casalegglo

8. Miglior Celebrità su Twitter
@Fiorello

9. Miglior Giornalista su Twitter
@AndreaScanzi

10. Miglior account a tema: CUCINA
@GialloZafferano

11. Miglior account a tema: BEAUTY/FASHION
@ClioMakeUp

12. Miglior account a tema: SPORT
@SkySport

13. Miglior account a tema: POLITICA
@MatteoRenzi

14. Miglior account collettivo
@Spinozait

15. Account più innovativo 2013
@Emergenza24

 

Ecco il video della premiazione:

 

 

 

Vogue Fashion Night out: un evento che unisce marketing e moda #VFNO

Puntuale come sempre e ricca di sorprese è arrivata anche quest’anno la Vogue Fashion Night Out, la notte bianca che celebra protagonisti e utenti della moda internazionale, per la quinta volta a Milano, con il suo fitto calendario di presentazioni, party ed eventi.

Un evento che unisce moda, in questo caso la nota rivista Vogue Italia, il commercio e promozione del territorio, in questo caso Milano, in un’ottica di responsabilità sociale.

Un’opportunità di sviluppo e un nuovo fattore di competitività per la comunità territoriale milanese e non solo, nel tentativo di risollevare quelle che sono le potenzialità economiche offerte dalla città e dai brand presenti.

Una Vogue Fashion Night Out fatta di hashtag, geolocalizzazioni, tag e like, una Vogue Fashion Night Out social, trasmessa con un costante live feed dalle case e dagli utenti su tutti i social network.

Negozi aperti fino a tarda serata, atmosfera di festa con eventi musicali, shopping esclusivo con la possibilità di acquistare oggetti limited edition, creati appositamente per l’occasione.

Alcuni partner dell’iniziativa: Citroën, che in quest’occasione ha presentato la nuova versione della DS3, Samsung, che ha realizzato cover personalizzate limited edition del Galaxy S III in collaborazione con alcuni noti designer del mondo della moda, Lavazza, che mostra in anteprima la nuova Limited Edition Lavazza ¡Tierra!.

Lavazza ha presentato questo progetto che celebra l’impegno dell’azienda torinese per la sostenibilità, intesa come connubio perfetto di impegno per il sociale e l’ambiente, nell’ottica della Corporate Social Responsibility che da sempre la caratterizza. Per questa seconda edizione dell’evento organizzato da Vogue, la Limited Edition Lavazza ¡Tierra! è stata realizzata da 6 dei più grandi artisti internazionali contemporanei (Stefano Arienti, Vanessa Beecroft, Maurizio Donzelli, Mihret Kebede, Nico Vascellari e Francesco Vezzoli), che a loro volta ben comprendono e condividono la mission di Lavazza per la sostenibilità. A ciascuno di loro è stato chiesto di dedicare un tributo a Lavazza ed ai suoi valori: a questo scopo gli artisti hanno immaginato 6 creatività altamente evocative. Un esercizio di fantasia, con alla base un forte impegno per la concretezza.

LattineTierra_Bianco_composizione_bassa

JDC, in collaborazione con “Il milanese imbruttito”, per espandere la propria brand identity anche sul web ha organizzato un concorso attraverso il quale era possibile vincere un intero outfit marchiato JDC. Dopo lo shooting fotografico le foto sono state postate su Facebook e Instagram e, in base ai like ottenuti, si è decretato il vincitore.

7888_10150325317169990_316191412_n

Per Carpisa, invece, la Vogue Fashion Night è stata l’occasione per lanciare la linea Carpisa Tattoo attraverso la quale è possibile personalizzare le proprie valigie con un disegno, una foto o una frase a piacere, tramite il sito internet http://www.tattoo.carpisa.it

Impegno sociale anche per Carpisa che, in collaborazione con Yamamay distribuiva t-shirt con su scritto lo slogan Ferma Il Bastardo per una campagna di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne con le quali era stato anche organizzato un flash mob. Anche per Carpisa e Yamamay fondamentale risultava essere la partecipazione social con l’hashtag #fermailbastardo.

Schermata 2013-09-21 alle 14.09.44

1a14

Alcott Los Angeles ha organizzato all’interno dello store una vera e propria festa tutta al femminile, trasmessa in diretta streaming sui social network grazie a ragazze che si muovevano all’interno del negozio con degli iPad per riprendere la serata e scattare fotografie che sono state caricate istantaneamente sul web.

Campari e Pinko hanno dato vita invece ad un evento più ricercato. Ambiente luminoso ed elegante, abbigliamento Pinko e aperitivi Campari distribuiti ai presenti hanno dato alla serata, nello store tra Piazza del Duomo e San Babila, un carattere patinato anche grazie alla presenza di un dj set con Alena Seredova.

Schermata 2013-09-21 alle 14.27.24

Stroili Oro per la Vogue Fashion Night Out ha trasformato il suo store in una vera e propria VIP room. L’ingresso era interdetto ai comuni mortali i quali si accalcavano alle transenne fuori dal negozio nel tentativo di fotografare le due celebrities presenti alla serata: Elisabetta Canalis e il rapper italiano Fedez. Stroili ha lanciato in questa serata degli orecchini, un’edizione limitata per la Vogue Fashion Night, parte delle cui vendite sarebbe stata destinata alla riqualificazione del quartiere di Quarto Oggiaro a Milano.

Milano Vogue Fashion's Night Out 2013
La Vogue Fashion’s Night Out è nata a New York su decisione della Condè Nast nel 2008. Esportata in 18 paesi, la notte della moda è stata ovunque un successo: migliaia di persone in strada per comprare o anche solo ammirare, le tendenze del momento.

http://www.treesessanta.com